Crea sito
  Romanzi d'Amore: AUTORI - RECENSIONI - CONSIGLI

 


Copertina

Commenti

Brenda Joyce

+ Altri Romanzi



HOME PAGE
...il piacere della lettura

LA SPOSA AMERICANA di BRENDA Joyce
Titolo originale: The Prize
© GRS Harlequin Mondadori, 2007
Genere: romance storico

*A cura di Yoko (2009)

La Joyce colpisce ancora!
Buffo dirlo per questo libro che in realtà è il primo pubblicato in Italia sui fratelli De Warenne, il problema è che i vari volumi sono così introvabili che sono stata costretta a leggere la saga via via che riuscivo a recuperarne qualcuno. Questo, in ogni caso, non mi ha assolutamente sminuito la trama, anzi... è stato amore a prima vista!
Come al solito la Joyce è in grado di catapultarti all'interno della storia, rendendoti partecipe oltre che lettrice. Alzare la testa dalle pagine prima di raggiungerne l'ultima è cosa molto ardua, infatti quando finalmente credi di essere arrivata a una svolta, a un momento di calma, qualcosa torna a succedere per rimescolare le carte in tavola. E' una lettura che non dà tregua, mantiene un ritmo sostenuto sino alle ultimissime pagine, coinvolgendoti.
Virginia Hughes ha pianto la morte dei genitori ed ora si vede portare via l'unico posto che può chiamare casa. Gli affari del padre evidentemente non andavano bene e suo zio, ora suo tutore, ha deciso di vendere la piantagione dove la ragazza ha sempre vissuto rimediandole un posto in una scuola per brave gentildonne. Quello che non ha calcolato è la tenacia e la temerarietà della nipote, Virginia infatti trova il modo di scappare e si imbarca sul primo mercantile per l'Inghilterra decisa a venire a patti con lo zio, chiedere un prestito, qualsiasi cosa. Non sa però che quest'ultimo è ormai ridotto in rovina e la causa della sua disgrazia si può imputare a un unico individuo: Devlin O'Neill.
Devlin è stato testimone della macabra e alquanto ingiusta decapitazione del padre da parte di Hughes e il bambino, ormai diventato uomo, è cresciuto saziandosi di odio e cinismo... e adesso urla solo vendetta. E' deciso a togliergli tutto: denaro, tenute, titolo e reputazione.
In tutto questo il personaggio di Virginia è una graziosa pedina, un qualcosa che Devlin intende utilizzare per raggiungere i suoi scopi, ignaro che da quando poserà gli occhi su di lei dovrà fare i conti con tutto, anche con se stesso.
La delineazione dei protagonisti è probabilmente la parte più riuscita del libro. Devlin è un uomo tormentato fino al midollo, incapace di vedere il fondo del baratro in cui è caduto. Cinico e calcolatore ha costruito la sua intera esistenza basandola sulla vendetta, ogni scelta è stata presa in relazione a quella. Pirata della marina inglese ha un fascino tutto suo, bello bellissimo e dal cuore nero come l'inchiostro. Virginia dal canto suo rimane attratta da lui praticamente da subito e, nonostante per molti versi le si possa dire di essere fin troppo schiava dei proprio sentimenti, dimostra tenacia, audacia... e una buona dose di pazzia (con un uomo così fatemelo dire ).
Ho un unico rammarico, che il lieto fine sia arrivato solo alle ultimissime pagine e che abbia potuto godermelo così poco. La sposa americana comunque, dopo Ballo in Maschera, rimane il mio libro preferito della saga. Una lettura che ho letteralmente divorato, apprezzato e amato. Consigliata!

La "Dinastia De Warenne":
1. "The Conqueror"
2. "Promise of the Rose"
3. "The Game"
4. "The Prize" - La Sposa Americana
5. "The Masquerade" - Ballo in Maschera
6. "The stolen Bride" - La Scelta di Eleanor
7. "A Lady at last" - Lezioni di Galateo
8. "The perfect Bride" - La Sposa Perfetta
9. "A dangerous Love" - Passione Gitana
10. "Scandalous Love"
11. "House of Dreams"

» le trame e le copertine della saga


Back!

Avventura :: Classici :: Fantasy :: Horror :: Narrativa :: Ragazzi :: Thriller
Questo sito non è a scopo di lucro, ma ha il solo fine di promuovere titoli e autori; le immagini utilizzate sono © dei rispettivi proprietari e/o case editrici, così come i commenti e le recensioni, che sono opinioni personali e non possono essere in alcun modo riprodotti, salvo richiesta al legittimo proprietario. Il copyright del logo lo trovi QUI.