Crea sito
Non Cercarmi Mai Più (ma resta ancora un po' con me)
di Emma Chase 

A cura di Silvia (12/2013)
Voto:   

Recensione V.M. 18

Per Goodreads "MIGLIOR ESORDIO DELL'ANNO"
"Il 97% delle lettrici americane ha amato questo libro"


Grazie a questo romanzo ho capito una cosa. Indipendentemente dal libro che si legge qualcosa la s'impara sempre, e personalmente sono giunta a due conclusioni:
1) devo iniziare a diffidare di Goodreads.
2) ho i gusti del 3% delle lettrici americane.

Senza girarci troppo intorno Non Cercarmi Mai Più che mi fai un favore, non m'è piaciuto. Ci ho provato, mi sono impegnata, l'ho iniziato con le migliori intenzioni, ma non solo non è scattata nessuna scintilla, ma il protagonista della Chase mi ha proprio irritata. Egoista, egocentrico, viziato, si racconta alle donne (perché solo a lettrici poi? I lettori dove li mettiamo?) snocciolando verità da due soldi come se fossero perle di alta filosofia, ma in realtà Drew Evans è credibile quanto Rocco di Zelig.

 

"Non Cercarmi Mai Più" si differenzia fondamentalmente dagli altri erotici usciti finora (vedi 50 Sfumature o Beautiful Bastard) perché viene narrato dal punto di vista maschile. Una figata, vero? Be sì, lo pensavo anch'io, finalmente qualcosa di nuovo, finalmente un po' d'originalità, ma vi assicuro che il prototipo di maschio arrapato e sciupafemmine peggio di così non poteva venire descritto.
Drew è odioso. Si fa le donne con la stessa frequenza con cui si lava i denti, sottolinea più volte di non doversi prendere nemmeno il disturbo di corteggiarle perché gli basta un'occhiata che loro sono già pronte a gambe aperte, e si loda di continuo "sono bello, sono intelligente, sono un vincente... e bla bla blaaaa". Drew ha lo spessore di un sottobicchiere, è svilente sotto ogni punto di vista, per non parlare poi dell'universo femminile che lo circonda e che ci racconta: pietoso.
Ma veniamo alla nota dolente. Drew non è il macho che l'autrice vuole farci credere. Sarà anche un gran puttaniere che parla come uno scaricatore di porto, ma alla Chase a volte sfugge la situazione di mano, e quando capita Drew inizia a ragionare come una donna e a comportarsi come una checca isterica.

Volete degli esempi? Sono qui per questo.

Drew è costretto a vedersi e rivedersi Pretty Woman con la sua meravigliosa famiglia e dopo anni di violenza televisiva a che conclusione arriva? "Richard Gere è proprio un figo". Attenzione! Non "Julia Roberts è una stragnocca", noooo... "Richard Gere è proprio un figo". Meditiamo donne -_-'

Altra situazione. Drew corteggia (diciamo così, ma sembra più un animale in calore con gli attributi pronti a esplodere) Kate, il suo radar capta qualche segnale, ed ecco la conclusione: "Mi considera carino". Ohhh, ma che ciocci... SVEGLIAAA!!! Quale uomo si definirebbe mai "carino"? "Carino" è un bambino di tre anni, un orsacchiotto di peluche, "carini" sono gli allegri animali della foresta che puliscono casa con Biancaneve e gli uccellini che aiutano Cenerentola a vestirsi! Ma un ipotetico maschio alpha che stende stuoli di donne a colpi d'anca non è "carino". Me ne frego se poi si sfoglia mentalmente il kamasutra, intanto l'eco di quell'aggettivo aveva già mandando in frantumi tutta la sua pseudo virilità.

Drew è un misto di elementi che non possono convivere. È un personaggio assolutamente irreale, nel senso più stretto del termine. Riconosce il profumo di vaniglia e lavanda sulle lenzuola, guarda in TV gli sketch di Will Ferrell (attore piacevole quanto un bidet fatto con l'olio bollente), si sollazza con donne che hanno un aspirapolvere Hoover al posto della bocca, pensa in maniera convulsa, e alla prima delusione d'amore invece di reagire si trasforma in un'ameba. Però è un vero uomo, quindi non piange, ma se potesse, e se fosse fisicamente possibile, anche il suo "asso di bastoni" piangerebbe con lui (ci tiene a sottolinearlo, forse per far capire quanto sono uniti. Teneri,no?). 
Ma fermi tutti. Bisogna dare a Cesare quel che è di Cesare e quindi diciamolo, Drew è anche un uomo con un codice d'onore degno della marina degli Stati Uniti, e il suo punto saldo è: non si "ramazza" in ufficio.
Capirete quindi che quando scopre che la donna su cui ha posato gli occhi lavora per lui, entra in crisi esistenziale, per poi eccittarsi come un fringuello (gli basta poco ve l'assicuro) non appena si rende conto che la signorina in questione ha degli attributi d'acciaio. Kate gli tiene testa e - cosa assolutamente incredibile - non gliela offre su un piatto d'argento. In pratica, per l'universo di Drew, è una marziana, e al povero malcapitato non resterà che far convivere testa e testosterone, e non essendo abituato a usarli in sincrono... sarà dura. In tutti i sensi.  

Come si sviluppa e conclude la storia è ovvio e prevedibile e se non fosse stato per alcuni parti noiose e un protagonista troppo invadente Non Cercarmi Mai Più poteva anche arrivare alla sufficienza... ma non ce la fa. Nonostante Mr Ego Smisurato sia riuscito a strapparmi qualche sorriso, a conti fatti il penitente libertino che si redime non è stato sufficientemente convincente agli occhi di una romance addicted come me. Forse sono limitata, o forse sono troppo pretenziosa, ma non mi basta vedere un uomo che prima denigra "Le Pagine della Nostra Vita" e poi impara da Noah come si conquista una donna a farmi andare in brodo di giuggiole. (Poi detto tra noi, non ha nemmeno capito l'essenza del film.)

E Kate? Su Kate mi sono soffermata il giusto, ci viene filtrata attraverso gli ormoni impazziti di Drew e a parte alcuni punti in cui ostenta una spavalderia esagerata (e inappropriata),  fondamentalmente è una donna normale; sono tutte quelle che lui ha conosciuto prima a non esserlo... troppo ovvio farla emergere così, così ovvio che ho avuto l'impressione che l'autrice volesse vincere facile...  ma d'altronde ce l'ha fatta. La Chase ha vinto. Il suo libro è un best seller, i suoi personaggi hanno fatto breccia nel cuore di milioni di lettrici e allora mi chiedo una cosa: c'era bisogno di un cavolo di seguito? Il mercato grida sì, sì e sì.
Io dico no, no, e ancora NO. Mie care autrici, imparate a mettere un punto alle vostre storie, inventatevene delle nuove, perchè un lettore deluso è un lettore in meno.

Bene, anche per questa volta lo sproloquio è finito. Passo e chiudo. Ah, un'ultima cosa. Per caso vi siete innamorate dello spirito virile e al contempo infantile di Drew? Vi lancio una piccola sfida allora: leggete L'Alba dei Sogni di Lisa Kleypas, "conoscete" Zach, e poi ne riparliamo.


Serie Tangled

1. Tangled - Non Cercarmi Mai Più (ma resta ancora un po' con me)
1.5 Holy Frigging Matrimony
2. Twisted - Cercami ancora
3. Tamed - Io Ti Cercherò
4. Tied - Tu mi cercherai


Commenti (31) 
Share


Titolo originale
tangled

Casa Editrice 
Newton Compton, 2013

Traduzione
A. Peretti

Genere
romance, erotico

Pagine 286
Prezzo € 9,90