Crea sito
  Romanzi d'Amore: AUTORI - RECENSIONI - CONSIGLI

 


+ Aggiungi commento

Sezioni Correlate

+ Serie "I Romanzi"


edizione USA



HOME PAGE
...il piacere della lettura

LA SCARPETTA DI DIAMANTI di Jane Feather
Titolo originale: The Diamond Slipper
© Mondadori I Romanzi n° 357 e ristampa ORO
Genere: storico (Vienna/Francia 1700 )

*A cura di Silvia
Non è facile parlare di un romanzo di Jane Feather, essendo una delle autrici più vendute nella collana I Romanzi, ma anche una delle più discusse… nel bene e nel male.
"La Scarpetta di Diamanti" è un romanzo che ho particolarmente gradito, ma che dubito possa riscontrare il consenso di molte lettrici per la crudezza di certi avvenimenti e la caratterizzazione del protagonista. Ma procediamo con ordine.
Siamo nel XVIII secolo e Cordelia Brandenburg viene promessa in moglie all'anziano principe Von Sachsen. Si sposa per procura con Leo Kierston, l'ex cognato del futuro sposo che ha il compito di scortarla da Vienna in Francia; questo viaggio si rivela galeotto, perchè a discapito delle convenzioni sociali e morali, Cordelia si innamora di lui a prima vista. Decisa più che mai a farlo capitolare e a non convolare a nozze, la ragazza tenta di conquistarlo in ogni modo e maniera, ma invano. Consapevole di non poter sfuggire al proprio destino sposa il principe, senza però abbandonare la speranza di essere ricambiata dall'unico uomo che abbia mai voluto veramente.
Ed ecco il primo scoglio da superare: contrariamente a molti romance in cui il protagonista "salva" l'eroina di turno dalle grinfie dell'antagonista, qui non succede.
Leo la lascia al suo destino… almeno finché lo crede opportuno. Finché non è sicuro di amarla. Finché non ha la convinzione che valga veramente la pena lottare per lei.
Leo rappresenta senza dubbio il tipico maschio dominante, colui che sovrasta la donna per forza e intelligenza e nonostante non rientri propriamente nelle mie simpatie l'ho accettato in quanto riveste un ruolo relativamente marginale (e in fondo consono al periodo storico). C'è, è vero, ma è intorno a Cordelia che tutto gira: è lei la vera e unica protagonista.
A soli sedici anni si ritrova sposa infelice di un uomo che non vuole e che la maltratta, ma a cui deve sottostare in silenzio in quanto donna e moglie. Nel sentimento che prova per Leo trova una forza e una determinazione invidiabili a tal punto che viene da chiedersi se lui meriti realmente tanta devozione (mi verrebbe da dire "no"…).
Leo non è protettivo, né amorevole e tanto meno rassicurante.
Non promette nulla, ma si lascia semplicemente consumare dall'estasi del momento in attesa che Cupido scagli la freccia e lo colpisca.
Cordelia invece ama e vuole essere amata, pretende di essere amata. Si accontenta del poco, ma ambisce a molto di più. Sa aspettare, e nonostante la giovane età è ardimentosa e intelligente.
È tutto merito suo se ho tanto apprezzato questo romanzo e alla fin fine ho appena notato Leo senza soffermarmici troppo (e da quando leggo romance è la prima volta che mi capita!). Come protagonista maschile non lascia il segno, si dimentica facilmente e a tratti suscita anche una certa antipatia, ma Cordelia brilla di luce propria. Viene calpestata nel corpo e nell'anima, ma si rialza sempre e combatte solo per vincere.
Parallelamente alla vicenda principale assistiamo agli eventi storici dell'epoca.
Maria Antonietta (amica della protagonista) abbandona la madre Imperatrice e Vienna, la sua città natale, per sposare il delfino di Francia, futuro Luigi XVI. È un momento di grande gioia e sfarzo, ma sotto l'apparente scintillio si celano i dolori e i disagi dei singoli personaggi.
Personaggi di pura fantasia che si intersecano con altri realmente esistiti dando vita a un romanzo crudo per la realtà che racconta, ma ben scritto e coinvolgente.
Il senso di angoscia e ingiustizia che trasmette viene riscattato dal valore di una donna che pagina dopo pagina prende sempre più spessore e che non può lasciare indifferenti.
Spero di essere stata sufficientemente esaustiva nel descrivere le varie sfaccettature dei due protagonisti, in modo da indirizzarvi o meno verso la lettura di questo romanzo.
Resta il fatto che la Feather non lascia scampo: la si ama o la si odia… non saranno certo le mie poche righe a farvi cambiare idea!

Trilogia "Ciondoli dei Braccialetti"
1. Il Cigno di Smeraldo
2. La Rosa d'Argento
3. La Scarpetta di Diamanti



torna alla pagina precedente

Avventura :: Classici :: Fantasy :: Horror :: Narrativa :: Ragazzi :: Thriller
Questo sito non è a scopo di lucro, ma ha il solo fine di promuovere titoli e autori; le immagini utilizzate sono © dei rispettivi proprietari e/o case editrici, così come i commenti e le recensioni, che sono opinioni personali e non possono essere in alcun modo riprodotti, salvo richiesta al legittimo proprietario. Img del logo © Alan Ayers