Crea sito
La Rosa Selvatica di Jennifer Donnelly

A cura di Silvia  (03/2013)

Voto:  

Questa più che una recensione sarà una vera e propria dichiarazione d'amore. A Jennifer Donnelly e a questa bellissima trilogia che mi ha strappato cuore e anima, ore di sonno, interi pomeriggi immersa in questa meravigliosa storia e lontana dal mondo reale. E mi dispiace se non riuscirò a rendere onore a queste 2000 e passa pagine, perchè non è sempre facile parlare di un libro che non è solo un "libro". La trilogia delle rose è vita, emozioni, cronaca, "storia".
Tutto ha inizio nel 1888 a Londra, nel quartiere di Whitechapel, per poi spostarsi a Parigi, e di nuovo in Inghilterra, in Kenya, California, sul Kilimangiaro, al Polo Sud. Durante questi "viaggi" costellati dalla passione e dalla fame di vita e riscatto che anima tutti i protagonisti, incontreremo personaggi realmente esistiti come Gauguin, Toulouse-Lautrec (i pittori), Elinor Glyn ("creatrice" del romanzo rosa a sfondo erotico), Ernest Henry Shackleton (esploratore britannico), Millicent Fawcett (una delle prime suffragette), Thomas Lawrence (archeologo e agente segreto inglese) il politico Wiston Churchill (che guidò la Gran Bretagna verso il primo conflitto mondiale) e molti altri, tutti contestualizzati talmente bene nel romanzo che non ci si rende nemmeno conto di "avere a che fare" con uomini e donne che hanno scritto la nostra storia. Ed era mentre m'innamoravo con Fee e Joe che scoprivo la morte per mano di Jack lo Squartatore; era mentre sopravvivevo con India e Sid nei sobborghi di una Londra decadente che mi affacciavo ai problemi della società del tempo in campo medico-sociale, alla politica londinese, alle Comuni; ed è con Willa e Seamie che ho scoperto l'avventura, la bramosia inspiegabile di sentirsi un tuttuno con il mondo e poi... la Guerra. Una Guerra fatta di battaglie, attentati, reti di spionaggio, mediazioni politiche, sacrifici e tradimenti.

Conosciamo Willa e Seamie in Come una Rosa d'Inverno quando, nel fiore dei loro anni, sentono la vita e l'amore scorrere nelle vene. Ad unirli la passione per i viaggi, le scalate, le sfide quotidiane contro la natura stessa, ma sarà proprio questa corazza d'invulnerabilità a renderli più deboli e impreparati nell'affrontare le sfide più inattese. L'incidente in cui Willa perderà una gamba metterà fine a una storia mai iniziata, perchè una donna fatta di coraggio e di sogni non può permettersi di vivere una vita a metà. E Seamie, distrutto, la lascerà andare...
La Rosa Selvatica inizia 8 anni dopo.
Seamie dopo una spedizione al Polo Sud torna dalla sorella Fee a Londra e anche se le ferite del cuore non gli danno pace, riesce a trovare conforto tra le braccia di Jennie, la figlia di un reverendo. È con grande determinazione che s'impone di essere felice, e per poco non ci crede davvero... per poco non ci riesce addirittura. Ma il ritorno di Willa significherà altro dolore, e la Guerra penserà al resto.
La Rosa Selvatica racconta di due ragazzi uniti da un amore che è forza e distruzione al tempo stesso, un uomo e una donna che lottano per la vita dell'altro a discapito della propria e che arrivano ad accontentarsi di respirare la stessa aria, di guardare lo stesso cielo, di condividere gli stessi ricordi.
Amerete Seamie, il suo spirito impavido, il suo senso dell'onore, la sua infinita lealtà.
E forse amerete anche Willa, così profondamente imperfetta, umana, orgogliosa, forte, testarda, autolesionista... o molto più semplicemente "il cuore e l'anima" di Seamie.  La sua rosa selvatica.
Ma rispetto al primo romanzo della serie, e anche al secondo, la coralità di questo ultimo capitolo è ancora più accentuata: nuove sfide metteranno alla prova Sid e India, Joe e Fiona, addirittura i loro figli. Altri personaggi entreranno in scena, chi con prepotenza, chi in punta di piedi. Alcuni riusciranno a riscattarsi, altri moriranno, molti arriveranno all'epilogo profondamente cambiati, ma fondamentalmente rinnovati, perchè la guerra può togliere tanto, ma quello che sopravvive sarà per sempre indistruttibile.  Quello che sopravvive si chiama amore.

"Rose" Series
1. The Tea Rose - I Giorni del Tè e delle Rose (2003)
2. The Winter Rose - Come una Rosa d'Inverno (2011)
3. The Wild Rose - La Rosa Selvatica (2013)


Commenti (14) 
Share



Titolo originale
the wild rose

Casa Editrice 
Sonzogno, 02/2013

Traduzione
Sara Caraffini

Genere
drammatico, storico

Pagine 588

Prezzo € 21,50





La Serie