Crea sito
  Romanzi d'Amore: AUTORI - RECENSIONI - CONSIGLI

 


copertina I Romanzi

+ Aggiungi commento

Sezioni Correlate

+ Mary Jo Putney
+ Serie "I Romanzi"



edizione USA



HOME PAGE
...il piacere della lettura

LA PAZZIA DEL CUORE di Mary Jo Putney
Titolo originale: The Wild Child
© I Romanzi Mondadori n° 500
Genere: storico (Inghilterra, 1830 circa)

*A cura di Silvia
Meriel Graham, dopo un massacro in India in cui i genitori perdono la vita, viene riportata in Inghilterra, nella residenza di famiglia. Ma la disgrazia e una barbara prigionia, l'hanno resa chiusa e schiva finché, i suoi continui silenzi, fanno pensare a tutti che il dolore l'abbia resa pazza. Mentre lo zio paterno vuole chiuderla in un manicomio, quello materno si mostra più propenso a darla in sposa a Kyle Renbourne, il quale, a causa di un periodo difficile che sta attraversando, chiede al fratello gemello Dominic di fare le sue veci mantenendo però il segreto.
Ed è qui che il destino, solito ad agire per vie misteriose, fa incontrare Dominic e Meriel e quella che dovrebbe essere una farsa si trasforma in una realtà dove le menzogne non dovrebbero avere accesso…
Un romanzo dalla trama semplice e lineare, ma non per questo meno tesa e drammatica. Anzi, tutto il contrario. La Putney crea personaggi veri proprio perché ne traccia le debolezze più grandi e affronta tematiche difficili non sempre trattate nei romance.
Con Meriel, innocente e indifesa fanciulla, parla di emarginazione. Di come le persone non sappiano o non vogliano vedere la realtà, di come sia facile approfittarsi del più debole, di come la convenienza cammini a braccetto con la falsità.
Meriel non è pazza, semplicemente non vuole essere normale, se normale significa abbandonare quel mondo che per tanti anni l'ha protetta. Preferisce vivere come una fata dei boschi, come una piccola e selvatica fanciulla i cui atteggiamenti non possono essere controllati o rimproverati. Cammina scalza, corre nei boschi, scruta i fiori, le farfalle, gli uccelli e ogni altro essere vivente. Trova rifugio in una casa su un albero, si tinge la pelle con i mehndi* e non parla da anni con nessuno. Ma non è pazza. È solo brava a ignorare la gente. Brava a evitare una realtà troppo spesso dura e spietata che ha già conosciuto fin troppo bene.
A Dominic basta poco per scoprire la vera natura di Meriel, una creatura luminosa e viva, dall'aria falsamente pudica, che si ostina a non parlargli, ma lo seduce con lo sguardo, con un gesto, con il linguaggio dei fiori. Gli fa scoprire quanto meraviglioso sia il suo mondo e di come al suo interno lei si senta libera, sfrontata, disinibita. E ovviamente al sicuro. A dispetto del dolore, degli incubi, dei ricordi e delle persone che non la capiscono, lei vuole essere felice, ma a modo suo e senza compromessi.
Eppure Dominic sa che non potrà essere così, almeno non per sempre… non finché le parole incapace di intendere e volere sono sulla bocca di tutti. Spinto dalla tenerezza, dall'amore e da un irrefrenabile senso di protezione, desidera salvarla e per farlo deve riuscire a farle conoscere anche il suo di mondo.
Un romanzo sensibile che scruta un universo fragile e delicato, pronto a sgretolarsi a ogni soffio di vento.
C'è poesia nell'immaginare una protagonista più volte paragonata a una piccola regina delle fate, che vive in simbiosi con la natura e schiva gli uomini. Poi arriva lui, che la prende per mano e la conduce in mezzo alla gente, per farle scoprire quanto la vita possa essere generosa se hai vicino una persona che crede in te.

*tatuaggi indiani fatti con l'henné

Serie "China"
1. The Wild Child -- La Pazzia del Cuore
2. The China Bride --> La Donna di Giada
3. The Bartered Bride

 


back

Avventura :: Classici :: Fantasy :: Horror :: Narrativa :: Ragazzi :: Thriller
Questo sito non è a scopo di lucro, ma ha il solo fine di promuovere titoli e autori; le immagini utilizzate sono © dei rispettivi proprietari e/o case editrici, così come i commenti e le recensioni, che sono opinioni personali e non possono essere in alcun modo riprodotti, salvo richiesta al legittimo proprietario. Img del logo © Alan Ayers