Crea sito
  Romanzi d'Amore: AUTORI - RECENSIONI - CONSIGLI

 


copertina I Romanzi

Commenti

Elizabeth Hoyt

Altri Romanzi

Sezioni correlate
+ Serie "I Romanzi"

Recensioni nel Web
+ Miraphorando
+ La mia biblioteca romantica
+
Leggere è... sognare
+ Il blog di Juneross

copertina I Romanzi




HOME PAGE
...il piacere della lettura

IL PRINCIPE E IL DESIDERIO di Elizabeth Hoyt
Titolo originale: the leopard prince
© Mondadori I Romanzi Passione n°21 (2009)
Genere: romance storico

*A cura di Yoko

Ammetto di essermi avvicinata a questo romanzo non sapendo cosa aspettarmi. Avevo sentito pareri altamente discordanti, ma visto quanto mi era piaciuto il primo della serie avevo comunque un buon numero di aspettative. E queste aspettative sono state ampiamente premiate, tanto che penso di dover annoverare quest’autrice tra le mie preferite. E’ il suo secondo libro che leggo e forse non dovrei dirlo troppo forte, ma i suoi romanzi tendono a insinuarmisi sotto pelle. Mi piace il suo modo di scrivere, le sue storie e l’introspezione che da alle vicende e ai personaggi… che chiedere di più?

La lettura inizia senza preamboli: la carrozza su cui viaggiano i protagonisti si è rotta e loro si ritrovano in mezzo al nulla bagnati come pulcini appena naufragati. Per quanto viaggiassero sulla stessa carrozza i due sono fondamentalmente due estranei: lei la tenutaria di un grande appezzamento terriero e lui il suo nuovo amministratore. Ambedue hanno pregiudizi verso l’altro, che però vengono subito infranti da questa prima conoscenza forzata che li vede rifugiarsi in una catapecchia di fortuna per la notte. La Hoyt stessa non perde tempo e disegna due protagonisti dalla forte personalità marcata, dalle sfaccettature differenti ma ugualmente interessanti. Una conoscenza che continuerà a infarcirsi durante tutto il libro, a cui bisognerà aggiungere l’evidente attrazione tra i due e l’alto muro rappresentato dall’ovvio dislivello sociale dei protagonisti.
Giorgina però è un tipo che segue l’istinto, che attraversa le convenzioni come fossero muri d’acqua invece che di granito massiccio, soffermandosi a rimirare le conseguenze solo con un leggero senno di poi. Prende quindi l’iniziativa di iniziare una relazione con l’affascinate tenutario dai penetranti occhi verdi e dal carattere forte è deciso. Harry infatti vede la situazione per quella che è, un uomo pratico e razionale disposto a cogliere l’attrazione nata fra loro, ma non a farsi trattare come un cane messo al guinzaglio dalla sua padrona.
Condiamo il tutto con un’interessante trama di contorno che prevede uno strana uccisione di pecore nella tenuta vicina, un’accusa per Harry, fratelli protettivi e fratellastri affascinanti, ottenendo un mix che risulta essere sempre più appassionante di pagina in pagina.

Ho gradito molto la scelta dell’autrice di fare dell’impronta caratteriale l’elemento fondamentale dei protagonisti, subito seguito dal loro dislivello sociale, lasciando leggermente in ombra il loro aspetto fisico. Un romanzo che si fa quindi apprezzare per i personaggi curati e non esagera nella trama in scelte assurde, rimanendo in un ambito strettamente reale.
Gli scambi di frasi sagaci non mancano, come anche quella sorta di storia parallela che accumuna tutti i libri della serie. Questa volta farete la conoscenza del principe Leopardo, ritrovando in esso un’intelligente analogia col protagonista e il suo sentirsi in gabbia, sbarre invisibile formate da sentimenti e costrizioni sociali.
Un libro scritto bene che mi è assolutamente piaciuto.

P.S. è un vero peccato che l’autrice non abbia dato spazio al personaggio di Bennet in un libro a se, è stato un elemento assolutamente intrigante.


La trilogia “dei principi”:
1.    “The Raven Prince” –
Il principe e la preda
2.    “The Leopard Prince” – Il principe e il desiderio
3.    “The Serpent Prince” – Il principe e il tormento



Back!

Avventura :: Classici :: Fantasy :: Horror :: Narrativa :: Ragazzi :: Thriller
Questo sito non è a scopo di lucro, ma ha il solo fine di promuovere titoli e autori; le immagini utilizzate sono © dei rispettivi proprietari e/o case editrici, così come i commenti e le recensioni, che sono opinioni personali e non possono essere in alcun modo riprodotti, salvo richiesta al legittimo proprietario. Il copyright del logo lo trovi QUI.