Crea sito
The Awakening, il risveglio di Kelley Armstrong

A cura di Silvia (06/2012)
Voto:


Della Armstrong adoro lo stile. Tagliente, arguto, ironico, diretto. In tre righe riesce a caratterizzare un personaggio e a farti entrare in simbiosi con lui. Per questo amo le sue storie, anche quando non succede niente non riesco mai a staccarmi dalle pagine. E dire che nei suoi libri non succede niente è assolutamente offensivo. Non ci sono mai tempi morti (ma in compenso morti a volontà!), e tutto è sempre funzionale alla trama e ben orchestrato.
Contrariamente a Summoning, dove poco alla volta ci venivano presentati i ragazzi di Lyle House, una casa di recupero per adolescenti difficili, in Awakening c'è molta più azione. 
All'inizio ritroviamo Chloe esattamente dove l'avevamo lasciata. Imprigionata dal Gruppo Edison, seduta sul letto a parlare con il fantasma dela sua amica Liz la quale è ancora convinta di essere una sciamana la cui anima si è momentaneamente separata dal corpo. Ma Chloe ormai ha scoperto che lei e i suoi amici sono frutto di esperimenti genetici. Sono ragazzi dotati di superpoteri che spesso sfuggono al loro controllo e i casi sono due. O vengono recuperati, o vengono eliminati. Liz e Brandy, conosciuti in Summonig, sono stati uccisi, e per Chloe l'unica speranza è la fuga.
Riesce a scappare con Tori, una strega egocentrica, indisponente, petulante e ben presto si riunirà a Derek e Simon.
Tutto il romanzo è fondamentalmente incentrato sui loro vari tentativi di fuga e sulla parziale presa di coscienza di chi sono. 
Una cosa che ho particolarmente apprezzato è che l'autrice non trasforma questi adolescenti in novelli supereroi, anzi. Chloe è una negromante, potrebbe risvegliare un morto, come un intero cimitero, perchè ancora non sa come gestire il suo potere e ha diverse difficoltà a riunire l'anima al cadavere. Derek si sta per trasformare in licantropo, ma la sofferenza di questo processo che sembra sempre essere a un passo dal compiersi, ogni volta sfugge al suo controllo. Tori si crede una strega ormai navigata e poi fa cilecca nei momenti in cui un incantesimo non guasterebbe. Simon forse è quello più equilibrato di tutti, l'unico che il Gruppo Edison dava per "recuperabile" ma non è interessato alla salvezza se questa comporta abbandonare il fratello Derek.
I legami di amicizia che si vengono a creare sono forti, veritieri, belli e puliti. L'autrice non calca la mano, dosa i sentimenti, e nemmeno questa volta apre le porte a una possibile storia d'amore. Il primo pensiero di questi ragazzi è sopravvivere, ma sono anche giovani e a volte sentono il bisogno di un abbraccio, di una spalla su cui appoggiarsi, di una parola di conforto in un momento difficile.
Probabilmente nel terzo capitolo conclusivo, Simon e Derek  si contenderanno il cuore di Chloe, la ragazzina perfetta che mai si lamenta, che mai intralcia la fuga, sempre gentile e disponibile con tutti, e con l'innata capacità di paragonare la vita a un film. Al momento un film dell'orrore...

Romanzo promosso, non vedo l'ora di leggere Reckoning! 


Serie The Darkest Power (1° ciclo)
1. The Summoning - The Summoning, il richiamo delle ombre
2. The Awakening - The Awakening, il risveglio
3. The Reckoning - the Reckoning, la resa dei conti



Commenti (3)
Share

Titolo originale
the Awakening 

Casa Editrice 
Fazi Editore
Collana Lain, 05/2012 

Genere
young adult,
urban fantasy

Prezzo € 12,00
Pagine  315