Crea sito
Ho Lasciato Entrare la Tempesta di Hannah Kent

A cura di Silvia  (11/2014)
Voto: 

Dicono ch’io debbo morire. Dicono che ho sottratto il respiro agli uomini, e che adesso debbo subire la stessa sorte. E allora immagino che siamo tutti come fiammelle di candele accese, scintillanti, tremule nell’oscurità, e poi immagino l’ululato del vento, e nel silenzio della stanza sento dei passi, passi che si avvicinano minacciosi, che vengono a soffiare su di me e a ridurre la mia vita a un refolo di fumo grigio.


Avevo finito di dire proprio ieri, sul blog, che sono sempre a mio agio quando parlo di libri, ed ecco che mi ritrovo tra le mani un romanzo di cui vorrei parlarvi al meglio e non ci riesco. Sì, avete capito bene... sono in difficoltà.
Il punto è che Ho Lasciato Entrare la Tempesta è uno di quei libri che definirei importanti. Per com'è scritto, per la storia che racconta, per il minuzioso lavoro di ricerche che ha alle spalle.
L'autrice, una giovane esordiente non ancora trentenne, è stata bravissima, ma già a scrivere "bravissima" mi sento banale e scontata, e io non vorrei nulla di banale e scontato in queste poche righe.
Solo che mi sento quasi in imbarazzo. Come quando sono davanti ai miei autori preferiti, vorrei far loro mille domande e poi mi si attorciglia la lingua, la salivazione parte per la tangente e io devo ringraziare l'Altissimo per le due parole che sono riuscita a spiaccicare a stento. Ecco, in questo caso sono le mani a tentennare sulla tastiera. Tentennano perché quella di Agnes Magnúsdóttir è una storia vera, ed è una storia che strazia e annienta.
Condannata a morte per l'omicidio di Natan Ketilsson e in attesa che il boia cali l'ascia sul suo collo, Agnes racconta alle uniche persone che sente vicino la sua versione dei fatti.
È una Via Crucis lenta e sofferta e insieme a padre Tòti, il pastore che Agnes ha scelto per accompagnarla con fede al patibolo, c'ero anch'io. Ad ascoltare la vita di una giovane donna che ha conosciuto la morte quando era solo una bambina. A immaginarmela bella e fiorente, quasi una strega agli occhi della gente comune, troppo intelligente e anticonformista per l'Islanda del XIX Secolo. La vedevo lavorare nei campi, persa nei suoi pensieri, affogata dai suoi sogni, aggrappata a quelle uniche cose che nessuno poteva negarle. Non ancora almeno.

Il romanzo è strutturato da capitoli in terza persona che si alternano a quelli in prima, i più belli sinceramente, quelli in cui la voce di Agnes, prima reticente, poi trascinante e dirompente come la tempesta che l'ha travolta, si fa strada verso la verità. Perché tutto ruota intorno a una sola domanda. Agnes ha davvero ucciso Natan?
Si scoprirà attraverso una costruzione dei fatti sì romanzata, sì frutto delle ipotesi dell'autrice, ma anche documentata da scambi epistolari, atti ministeriali, registri parrocchiali.
Un esordio incredibile che trasuda dignità e dolore, in grado di instillare ansia, tanta ansia, perché per una donna come Agnes speri sempre nel miracolo.

Commenti (7)
Share


Titolo originale
Burial Rites

Casa Editrice 
Piemme, 2014

Traduzione
Velia Februari

Genere
narrativa, drammatico

Pagine 347
Prezzo €17,50