Crea sito
Antipodi di Raffaele Napoli

A cura di Silvia (05/2015)
Voto: 

 
Raffaele Napoli con il suo Antipodi riuscito a non farmi staccare dalle pagine. Impresa non facile, ve l'assicuro, soprattutto in un momento di grande sconforto letterario. Sapete quando ogni romanzo che prendete in mano, anche quello consigliato dall'amica di fiducia, o quello che ha 5 stelle ovunque, non vi dice assolutamente nulla e razionalmente non sapete nemmeno spiegarvi il perch? Ecco, ero in quella fase. Una fase che mi ha visto iniziare un'infinit di libri e mollarli irrimediabilmente tutti senza alcun senso di colpa.
Poi mi arriva Antipodi.
in un formato comodo, perfetto per essere infilato in borsa e farmi compagnia nei quaranta minuti di corriera che mi aspettano nel tragitto casa-lavoro. Lo inizio alla fermata e ancora prima di salire e mettermi comoda sono gi rapita.
Non c' dubbio, Antipodi parte col botto, sul momento mi ha portato addirittura alla mente le atmosfere adrenaliniche di Ken Follett e quelle claustrofobiche di Sebastian Fitzek, per poi abbracciare quelle pi intimiste di Guillaume Musso. Ma i paragoni sono superflui, Raffaele Napoli ha uno stile, veloce, ritmico, asciutto, sincero; uno stile tutto suo. Si sente che prima di essere un autore uno sceneggiatore, il suo libro un film fatto di tasselli che si incastrano poco alla volta, visivo, incalzante, non presenta particolari virtuosismi letterari, ma ha sicuramente molto cuore. Sono rimasta colpita da come prima abbia dato vita a due protagonisti che sono allo stesso tempo antagonisti e poi sia riuscito a mettere il lettore nella condizione di tifare sia per l'uno che per l'altro. C' un po' di Marco in ognuno di noi. E c' un po' di Luca. D'altronde crediamo di essere il frutto delle nostre scelte, ma siamo anche il frutto delle scelte altrui.
Ed sulle scelte, arbitrarie e non, che si basa Antipodi. Sulle scelte e sul bisogno, insito in ognuno di noi, di dare un senso alla nostra vita, di plasmarla a nostro piacimento, di modellarcela sulla pelle. Ma se provarci possibile, lo anche riuscirci?

Marco e Luca sono agli antipodi in tutto e per tutto. Mentre il primo si ritrova con un lavoro di prestigio, una bella moglie, una figlia adorabile e un'amante, Luca il tipico prodotto del nostro Secolo. Nonostante la laurea lavora in un hard discount, sente di non avere sbocchi, non c' nulla che lo soddisfi e come se non bastasse follemente innamorato della moglie di Marco. normale che si chieda perch certe persone abbiano tutte le fortune di questo mondo e non se ne rendano nemmeno conto. normale che desideri con tutto se stesso essere nei panni del suo rivale. Ma bisogna stare attenti a quello che si desidera... lo si potrebbe ottenere.

Antipodi un esperimento riuscito. Pubblicato a puntate su un blog - un capitolo ogni luned - questa storia di riscatto, amore,  vendetta e anche un po' di magia, ha conquistato in breve tempo il web e oggi disponibile in tutte le librerie grazie a Casa Sirio. C' una componente surreale che credevo potesse infastidirmi, invece si incastra perfettamente nella trama,   funzionale, per non dire fondamentale, al suo sviluppo, ma quello che alla fine mi ha colpito maggiormente stato scoprire quanto sia labile il divario tra vincitori e vinti. Quanto sia difficile mantenersi sempre dalla parte "giusta". Pefetto anche il finale che con un doppio epilogo da una parte ci fa sorridere e dall'altra commuovere.



Commenti (7) 
Share


Titolo originale
/

Casa Editrice 
Casa Sirio, 2015

Traduzione
/

Genere
narrativa

Pagine 230
Prezzo 14,00