Crea sito
  I Classici: AUTORI - RECENSIONI - CONSIGLI

 


Edizione De Agostini, collana I Classici

Edizione De Agostini, collana I Birilli



TRE UOMINI IN BARCA di Jerome Klapka Jerome
Titolo Originale: Three men in a boat
Scritto nel 1889
Genere: avventura, per ragazzi

Una gita in barca lungo le rive del Tamigi, tre amici, un cane. Tutto qui. Ad un grande scrittore basta poco per creare l'atmosfera giusta e per strappare al lettore una lacrima o un sorriso. In questo caso si tratta di una storia divertente e piacevolissima da leggere al mare sotto l'ombrellone, in veranda sulla sdraio, oppure proprio in barca, quando non ci sono tante comodità a disposizione e potrebbe capitare di rivivere una delle avventure dei protagonisti e di riderci sopra.
Le situazioni descritte nel libro, in apparenza paradossali, sono in realtà comunissime. I vizi e i difetti dei personaggi non sembrano più tanto riprovevoli sotto lo sguardo bonario e divertito dell'autore. La sua verve comica non risparmia nessuno, nemmeno se stesso. Nel primo capitolo, infatti, Jerome parla di sé tracciando un esilarante ritratto del tipico malato immaginario: "È davvero straordinario, ma non riesco mai a leggere la pubblicità di una specialità farmaceutica senza essere spinto a concludere che quella malattia lì elencata mi ha colpito nella sua forma più virulenta."
Di sicuro Jerome avrà dovuto imparare molto presto l'arte di sdrammatizzare anche le vicende più tristi della vita. Povero, famiglia numerosa, orfano a soli quindici anni. Ha iniziato a lavorare giovanissimo svolgendo svariati mestieri per sopravvivere. Dopo aver inseguito la sua passione per il teatro, ha iniziato a scrivere articoli e racconti umoristici. Il successo è arrivato per caso con un romanzo che nelle intenzioni avrebbe dovuto essere una guida turistica del Tamigi e che poi si è trasformato nella sua fortuna. Tre uomini in barca è ormai considerato un classico dell'umorismo anche se Jerome non sempre ha avuto dalla critica i riconoscimenti che meritava. Eppure, tra un sorriso e l'altro, sa rivelare la profondità di un animo sensibile, pieno di poesia...
"Fa' che la barca della tua vita sia leggera, carica soltanto di ciò che è indispensabile (...) una casetta ospitale, semplici gioie, due o tre amici degni di questo nome, qualcuno da amare e da cui essere riamato, un gatto, un cane, due o tre pipe, quel tanto che basta per sfamarti e vestirti (...) Allora la barca ti sembrerà più leggera e meno incline a rovesciarsi; e se anche si rovesciasse non sarà poi un gran guaio: le merci buone resistono all'acqua. Ti resterà tempo per pensare oltre che per lavorare, tempo per abbeverarti al sole della vita, tempo per ascoltare le musiche eoliche che il vento di Dio trae dalle corde che avvolgono i nostri cuori..."
E allora che aspettiamo? Imbarchiamoci nella barca della vita con un sorriso e prendiamoci il tempo di ascoltare il nostro cuore...

Recensione a cura di Flora (dal blog Novellando)


| torna alla pagina precedente |

Questo sito non è a scopo di lucro, ma ha il solo fine di promuovere titoli e autori; le immagini utilizzate sono © dei rispettivi proprietari e/o case editrici, così come i commenti e le recensioni, che sono opinioni personali e non possono essere in alcun modo riprodotti, salvo richiesta al legittimo proprietario. Il copyright del logo lo trovi QUI.