Crea sito
  I Classici: AUTORI - RECENSIONI - CONSIGLI

 

 



HOME PAGE
...il piacere della lettura

I DOLORI DEL GIOVANE WERTHER di J.W.Goethe
Scritto nel 1774
Genere: drammatico
A cura di Sara [02/04/2004]

Puntualmente, ogni estate che si rispetti, le "care" case editrici bombardano i nostri cuori e le nostre menti di assidui lettori con quelli che dovrebbero diventare i nuovi Best Seller della letteratura mondiale. Da Follet a Grisham, da Smith a King, ogni anno una miriade di amanti dello "sfogliar pagine" si accalca nelle librerie con il dubbio amletico se scegliere gialli polizieschi o avventure dal sapore archeologico. Quando poi la scelta ricade su questo o su quell'altro libro, si torna di corsa a casa e ci si tuffa a pieno nelle vicende del romanzo. Una volta, infine, che la lettura è terminata, si prova una grande soddisfazione, grande come la velocità con la quale quelli che, per una o per due settimane, sono stati, oltre ai protagonisti del libro, anche i nostri compagni di avventura, vengono dimenticati. E così, il "grande capolavoro" rimane lì, nella nostra libreria, pieno di polvere e vuoto di ricordi. Si cerca in continuazione di eleggere a titolo di nuovo "Dante" uno di quei famosi, per alcuni versi bravi nuovi scrittori.
Quelli che, invece, sono veri ed indimenticabili capolavori rimangono soltanto nelle poche reminiscenze scolastiche. Tolstoj, Dostoevskij, Sepulveda, Wilde, Hemingway, Dumas, Hugo: sono soltanto alcuni dei nomi di coloro che meritano di salire sul podio della letteratura di tutti i tempi. Partecipare, non soltanto assistere alle vicende: questo fa del libro una pietra miliare e dell'autore una grande personalità. Si deve ridere, piangere, soffrire come ride, piange e soffre il protagonista. Nostri sono i protagonisti; noi dobbiamo diventare essi stessi.
Sono queste tutte le emozioni che si provano leggendo "I dolori del giovane Werther" di J.W.Goethe. Pubblicato una prima volta nel 1774 e rielaborato poi in una seconda edizione nel 1782, ebbe in soli quattro mesi un successo straordinario. Werther, un giovane borghese deluso dalla società del suo tempo, si rifugia in campagna, dove tesse una fitta corrispondenza con un suo amico, un certo Wilhelm, rimasto in città. Attraverso queste lettere si sviluppa tutta la vicenda: la vita bucolica che Werther trascorre con sottobraccio il suo amato Omero, l'amore appassionato, sfrontato, puro, erotico, incontrollabile per Charlotte (Lotte), una fanciulla che con violenza entra nel cuore e nella mente di Werther, l'amicizia-odio con Albert, fidanzato della stessa Lotte, l'amore provato ma non corrisposto, la fuga in città, il ritorno in campagna e il finale suicidio. Un susseguirsi di avvenimenti, di colpi di scena, ma anche di riflessioni sulla vita, sul suo significato, sulla sua fine.
Il lettore rimane folgorato dalla prima fino all' ultima parola.
Il personaggio di Werther, così fuori dal comune, ma così sentito, arrogante nella sua umiltà di essere uomo, provoca un vortice indefinito e indefinibile di sensazioni uniche e indescrivibili. Non è un caso, infatti, che subito dopo la prima pubblicazione del romanzo, si registrò, oltre al fenomeno dell' imitazione letteraria, quello, meno innocuo, dell'imitazione del protagonista da parte dei lettori giovani, con il risultato di una vera e propria epidemia di suicidi. Si sviluppò, infatti, in Europa, il cosiddetto "Wertherismo", il sentimentalismo introspettivo che tende ad identificare l'amore con la morte. Non erano sicuramente queste le volontà dell'autore: Egli voleva creare, con questo romanzo, un libro che fosse anche e soprattutto un amico per tutti coloro che non ne avessero. E ci è pienamente riuscito. Ci si trova davanti ad un vero e proprio capolavoro di stile, ma soprattutto di grande umanità, la quale traspare da tutto il romanzo. Non a caso la figura di Goethe è una delle più colorite, singolari e profonde della letteratura di ogni luogo e periodo. Il libro è di poche pagine, ma ciascuna di esse trasmette un qualcosa di introvabile e di assolutamente unico.
Vale sicuramente la pena di leggerlo: rimarrà nella memoria del lettore per molto, molto, tempo, forse per tutta la vita, augurandosi che sia più lunga e felice di quella del povero, grande Werther.

 


| torna alla pagina precedente |
Avventura :: Fantasy :: Horror :: Narrativa :: Ragazzi :: Rosa :: Thriller
Questo sito non è a scopo di lucro, ma ha il solo fine di promuovere titoli e autori; le immagini utilizzate sono © dei rispettivi proprietari e/o case editrici, così come i commenti e le recensioni, che sono opinioni personali e non possono essere in alcun modo riprodotti, salvo richiesta al legittimo proprietario. Il copyright del logo lo trovi QUI.